• Disagio per le feste: una playlist asociale

    playlist, parole take away, asociale, disagio, Natale, feste, capodanno

    Disagio, asocialità e fastidio in musica: una playlist perfetta da ascoltare da soli o in compagnia di sorsi amari. Non solo per le feste di Natale.

    Allora c’erano due scelte: o un post su quanto è bello il Natale con le sue luci, i suoi suoni, i suoi colori e l’atmosfera magica bla bla bla o un post su quanto ci si possa sentire a disagio a Natale, con le sue luci imbarazzanti, i suoi suoni fastidiosi, l’atmosfera asfissiante bla bla bla.

    È proprio necessario?

    Diciamo così: una playlist ispirata alle feste natalizie ci sta. Siccome non sono così appassionata di “musiche stagionali” mi sono premurata di selezionare canzoni che vanno comunque bene per tutto l’anno ma che con un pretesto vi rifilo un po’ prima del Natale, un po’ come quando vi ho servito l’improbabile playlist delle canzoni per Pasqua… Così soddisfo anche le esigenze degli appassionati di regali riciclati.

    Per chi si sentisse deluso da questa mia scelta dico a mia discolpa che in realtà QUI avevo preparato un paio anni fa una stilosissima lista delle canzoni natalizie più sopportabili: mi scuso con quelli che non si aspettavano questo mio lato tenero.

    Il fatto è che più fastidiosi di quelli che sentono la magia del Natale ci sono per me quelli che sentono il bisogno di esternare quanto gli dia fastidio il Natale.

    Così abbiamo Instagram intasato da foto dei mercatini natalizi nelle zone industriali dei più abbandonate d’Italia, Pinterest entusiasta per i lavoretti con la porporina, Facebook che propone calzini alternati a status con imprecazioni e Twitter che rilancia arguti #MerryCrisi. Che i social contribuiscano a stuzzicare il nostro lato asociale non è una novità.

    Ma amare le feste è mainstream come detestarle:

    eppure c’è una cosa che non è mai mainstream.

    Il disagio che ti può assalire qualsiasi sia la tua posizione a riguardo: non è disagio giovanile e neanche quell’adulta fase blasé che se sei un po’ artista ti porta a produrre le tue opere migliori. Niente a vedere con quella condizione estrema che ti potrebbe portare a essere il primo simpatico hikikomori del quartiere, comunque… È solo fastidio diffuso che al massimo ti porta a scrivere “fanculo Capodanno” su Facebook.

    15 like, dopobarba in confezione regalo e via a far serata!

    Ecco insomma, fatene quel che volete di questa playlist, io mi sono perfettamente calata nella parte per selezionarvi queste tartine indigeste.

    Disagio, asocialità e fastidio: una playlist che vi farà perdere tutti gli amici per le feste.

    I parenti invece resteranno ad affollare le vostre case: non siamo in Mamma ho perso l’aereo.

    Asociale – Milhouse

    Voglio costruirmi una scatola di mattoni in modo che nessuno mi rompa più i coglioni!

    Motivi validi per l’ascolto: sei stato aggiunto al gruppo WhatsApp APERICENA PER FARCI GLI AUGURI!!!!!!

    Motivi per sentirsi in colpa ascoltandola: gli amici ci tengono alla tua presenza nel gruppo, quello su WhatsApp, non quello al tavolo.

    Momenti top per l’ascolto festivo: dal 18 al 22 dicembre o dal 26 al 30 c.m., periodo di apericena per gli auguri.

    Imoloidi - I Fuzoni

    Sono un tipo alla moda, vado agli apericena, faccio il gallo con gli amici, mi avvicino a quella tipa…

    Motivi validi per l’ascolto: l’apericena è andato malissimo. Un motivo in più per odiare la tua città.

    Motivi per sentirsi in colpa ascoltandola: l’ottimismo è il tuo peggiore nemico in città.

    Momenti top per l’ascolto: dal 18 al 22 dicembre o dal 26 al 30 c.m., periodo di apericena e due di picche.

    Odio tutto – Gioventù Bruciata

    Vi odio perché siete tutti stronzi, tranne me! Vi odio perché siete tutti felici e non vi fate mai i cazzi vostri!

    Motivi validi per l’ascolto: oggi arrivano i parenti.

    Motivi per sentirsi in colpa ascoltandola: tua madre cucina da giorni.

    Momenti top per l’ascolto: dal 22, 23, 24 dicembre per accogliere i parenti in arrivo.

    Canzone di Natale – Zen Cicrus

    Si chiama Abdul, il mio Babbo Natale con le Nike di renna nuove.

    Motivi validi per l’ascolto: alleggerire la tensione con un ritornello universale che unisce cristiani, mussulmani, ebrei, atei eccetera eccetera…  chiunque abbia una nonna, insomma.

    Motivi per sentirsi in colpa ascoltandola: da anni tra i tuoi buoni propositi per l’anno prossimo c’è levare l’amicizia ad Abdul per fare felice la nonna.

    Momenti top per l’ascolto: dalle 00.01 del 25 dicembre alle 15.00 del 26 dicembre.

    Tranne te – Fabri Fibra

    C’è una festa siamo in 103  3 mila e 33 tranne te

    Motivi validi per l’ascolto: le spunte blu.

    Motivi per sentirsi in colpa ascoltandola: quello che chiede “cosa fate a Capodanno?” sei proprio tu.

    Momenti top per l’ascolto: entro le 19.00 del 31 dicembre.

     

    Essere soli alle feste – Fucktotum

    Qualcuno mi urta mi volto ma guarda altrove…

     

    Motivi validi per l’ascolto: non è come speravi.

    Motivi per sentirsi in colpa ascoltandola: comunque sei riuscito a imbucarti a una festa di Capodanno…

    Momenti top per l’ascolto: dalle 19.00 del 31 dicembre a tutto il 2015.

    Non tenete il vostro disagio dentro: diffondetelo condividendo questo post!

    Buon fastidio!

     

     

    Commenti Take Away

    commenti

    Sonia Calamiello

    Appassionata di comunicazione, curiosa sempre, con una leggera tendenza alla tuttologia. Vendo parole, ma il blog è gratis per tutti.

    Post Tagged with , , , ,
Comments are closed.